Insieme giocando...da casa!

Con l'insorgere dell'emergenza COVID-19 abbiamo dovuto chiudere gli spazi gioco da noi gestiti. Ma le tecnologie hanno permesso di mantenere, se pur a distanza, le relazioni che si erano create. 

Ce ne parlano Sara e Brigitta, educatrici spazio gioco Insieme Giocando.


Questo delicato momento di emergenza globale ha previsto misure restrittive per contrastare il diffondersi del contagio, come la sospensione di molti servizi, tra cui gli spazi gioco gestiti dal Torpedone, nell’ambito del progetto un, due, tre stella a Cinisello Balsamo. Per questa ragione, abbiamo pensato di trovare un modo per restare comunque in contatto con le famiglie che frequentavano lo spazio gioco Insieme Giocando in zona Crocetta. Abbiamo iniziato con delle chiamate e videochiamate per mantenere viva la relazione in questa nuova quotidianità, che tutti siamo tenuti ad affrontare. Non è stato possibile dare vita a questo tipo di servizio anche con lo spazio gioco Giochi e Parole di Sant’Eusebio, a causa della mancanza di un gruppo stabile e consolidato nel tempo, con cui quindi poter lavorare sulla relazione e sulla cura dei legami. 

Le famiglie coinvolte hanno risposto positivamente all’iniziativa: pur essendo state travolte da questa situazione di emergenza, hanno saputo cogliere questo momento di relazione come opportunità di raccontarsi e di rivedersi. Durante le chiamate sono emersi bisogni, fatiche e criticità ma anche risorse, capacità e strategie messe in atto per far fronte a questa situazione di isolamento sociale. Ciò ha permesso da una parte di rilevare e monitorare eventuali criticità alle quali poter rispondere attraverso la segnalazione di progetti e servizi attivi nel territorio, dall'altra parte rende possibile promuovere e restituire alla famiglie quelle che sono le risorse e le capacità già presenti e sulle quali fare leva.

Il desiderio di rivedersi-espresso durante i contatti-ha indirizato a una progettazione dove i dispositivi mobili sono diventati il medium per creare spazi nuovi da vivere. Spazi che prima dell’emergenza abitavamo fisicamente e che ora sono “a distanza” e da reinventare.

Grazie all’ascolto dei bisogni e delle proposte emerse durante le chiamate, sono nati micro eventi on-line partecipati che hanno permesso di organizzare momenti di incontro per le famiglie, ristabilendo le routine presenti prima del periodo di emergenza e ricreando così una continuità educativa e relazionale. 

Attraverso un videomessaggio caloroso in occasione di Pasqua da parte delle educatrici dello spazio, sono stati avviati i primi incontri online di “Insieme giocando...da casa!” con le famiglie disponibili. In linea con il desiderio di dare una continuità educativa, lo spazio gioco online mantiene gli orari e i giorni dello spazio gioco “reale”: il lunedì mattina per la fascia 0-3 anni e il mercoledì pomeriggio per la fascia 3-6.

L’iniziativa è stata accolta con grande piacere dai genitori e dai loro figli, desiderosi di poter giocare ancora insieme anche se distanti. Non tutte le famiglie però hanno potuto partecipare, considerando le difficoltà di connessione e le problematiche dovute ai numerosi incastri quotidiani di impegni a distanza. Tuttavia stiamo cercando delle soluzioni affinché gli incontri risultino di facile accesso e non impegnativi per i genitori che vi partecipano.

Con piacevole sorpresa, durante l’incontro i bambini hanno mostrato una grande naturalezza nel dialogo e nel gioco, nonostante la nuova modalità di partecipazione. Le attività proposte finora sono state letture animate per i più piccoli, giochi con materiali destrutturati da scoprire nelle proprie case come tesori nascosti, e per i più grandi creazioni di scatole magiche personalizzate come contenitori delle esperienze vissute durante questo nuovo spazio gioco, oltre a cacce al tesoro nelle varie stanze della casa, riscoprendo quante possibilità preziose di gioco nasconde la propria abitazione. Per i bambini è stato un momento di gioco e per le mamme un’occasione di ritrovo e di scoperta delle possibili attività da costruire in casa con i bambini. 

Le nuove modalità di lavoro che stiamo sperimentando, stimolano alcuni pensieri da approfondire nel tempo: da un lato è interessante notare quanta capacità di resilienza stiano mostrando le famiglie che, pur vivendo in spazi ristretti, riescono ad abitare insieme questo tempo, cercando in qualche caso, di sfruttarlo al meglio; dall’altro lato ci sembra evidente come, soprattutto per i bambini,  gli strumenti tecnologici, che tutti stiamo imparando ad apprezzare, non sostituiscano comunque l’intensità delle relazioni.

Gli incontri proseguiranno ogni lunedì mattina e ogni mercoledì pomeriggio fino a quando non sarà possibile riaprire ufficialmente gli spazi gioco, dove potremo raccontarci a vicenda le sensazioni e i vissuti trascorsi durante il periodo di isolamento.

Per questo ci sembra importante non solo consolidare lo spazio gioco per i bambini ma mantenere attivo anche un momento riservato per le mamme che in questo periodo sono rimaste unite e solidali. L’obiettivo futuro sarà quello di poter creare uno spazio virtuale a loro dedicato, che le permetta di raccontarsi e di proseguire il loro percorso di autonomia e autogestione, iniziato grazie alla frequenza dello spazio gioco prima dell’emergenza.

 

Leggi anche

➡️ Quando uno spazio è tanti luoghi: la storia della mamma di Bakari

https://percorsiconibambini.it/unduetrestella/2020/01/22/quando-uno-spazio-e-tanti-luoghi-la-storia-della-mamma-di-bakari/

➡️ Insieme Giocando: racconto di un anno concluso e buoni propositi

https://percorsiconibambini.it/unduetrestella/2020/01/22/insieme-giocando-racconto-di-un-anno-concluso-e-buoni-propositi/https://percorsiconibambini.it/unduetrestella/2020/01/22/insieme-giocando-racconto-di-un-anno-concluso-e-buoni-propositi/